Perdere peso velocemente: sei consigli utili

Category: Perdere Peso 11 0

Come perdere peso in fretta? Devi prepararti ad una occasione speciale che ti richiede una dieta lampo per perdere quei chili che hai accumulato e che non riesci a buttar giù? Il tempo non ti concede troppa riflessione sul da farsi, bisogna agire in fretta e correre ai ripari. Inizia per te una crociata contro il peso in eccesso, un nemico comune a tanti di noi soprattutto in alcuni periodi dell’anno, quando ci si avvicina alla stagione estiva e inizia la ricerca della forma ideale.

La prima cosa che fai è andare in rete e cercare sul web diete veloci, come dimagrire velocemente, come perdere peso in poche settimane etc… parole chiave che restituiscono tante pagine di risultati pieni di buoni consigli da mettere in pratica immediatamente.

Perdere peso velocementeUn piano alimentare corretto deve considerare che al corpo serve tutto per funzionare bene, a parte ciò che è evidentemente nocivo (e di cui si fa un gran parlare!) e che possiamo evitare senza pensarci su due volte. Il resto, tutto quello che dobbiamo sapere, fa parte di una cultura e scoperta personale che è importante curare per avere un quadro esaustivo e non commettere errori.

Uno degli errori più frequenti che si commette ingenuamente è quello di eliminare alcuni alimenti ritenuti responsabili dell’aumento di peso, oppure saltare in tronco alcuni pasti della giornata. Quello che dovremmo fare invece è puntare a perdere peso in modo sano e duraturo, soprattutto accelerando il metabolismo.

Come funziona il metabolismo? Il metabolismo funziona come un motore che trasforma il cibo in energia, e come tale esso può funzionare a diverse velocità, quindi essere più veloce ma anche più lento (non bruciando a dovere).

E’ la tiroide il motore del metabolismo che trasforma il cibo in energia, e se il metabolismo è lento il cibo viene smaltito lentamente e una parte importante di questo si trasforma in grasso. Fattori che influenzano il metabolismo sono l’età, la costituzione corporea, il sesso. Talvolta però all’origine di problemi di sovrappeso vi sono altre cause legate a problemi alla tiroide e alle intolleranze. Anche lo stile di vita incide sul nostro metabolismo: stress, vita sedentaria, assenza di esercizio fisico, sono concause di un metabolismo pigro.

Il metabolismo, poi, rallenta anche a causa di quello che si mangia: zuccheri raffinati e grassi possono rallentare il metabolismo e intasare l’organismo. La scelta dei cibi è quindi fondamentale affinché tutto funzioni come deve…ma soprattutto al fine di non accumulare peso in eccesso. Di seguito vediamo come possiamo perdere peso e controllare la nostra alimentazione e tutto ciò che incide sul nostro peso forma.

6 consigli per perdere peso

Regole generali da osservare

  • consuma pochi zuccheri semplici come dolci e frutta zuccherina;
  • mangia carboidrati al mattino, a colazione e a pranzo, quando è più semplice smaltirli;
  • non cenare tardi e preferisci un pasto leggero senza carboidrati;
  • mangia due pasti principali e due spuntini;
  • mangia ad orari consoni e mantienili tali.

Non eliminare i carboidrati

È uno degli sbagli che si commettono spesso, quello di credere che sia tutta colpa dei carboidrati! Ci si libera della pasta e del pane ma ignorando che questa scelta non è affatto la più giusta! I carboidrati sono fondamentali perché forniscono energia a rapido impiego, essenziale ad un corretto funzionamento delle attività metaboliche.

Invece di tagliare pane e pasta, preferiscili integrali e non raffinati. Le farine integrali infatti godono di un indice glicemico inferiore rispetto a quelle raffinate, oltre ad essere meno caloriche.

I prodotti integrali sono migliori anche perché contengono fibre e saziano di più, e contengono anche più vitamine e minerali (ferro, selenio e calcio). La pasta si deve mangiare in dosi naturalmente controllate: un giusto quantitativo di pasta si aggira attorno ai 60/70 g. (50 g. se c’è anche un secondo). Ciò che dovrai controllare è il suo condimento. Sceglilo a base vegetale o di legumi. Se la mangi integrale, non solo riduci le calore ma ti sazia molto di più!

Non saltare i pasti

Il vero segreto per restare in forma è mangiare spesso e poco distribuendo i pasti durante l’arco della giornata, associandoli in modo corretto e mangiandone nei momenti ideali della giornata. Ami i carboidrati? Mangiali al mattino quando il motore metabolico è al massimo dei giri!

Bevi 8 bicchieri al giorno

L’acqua è un combustibile metabolico importante. Bevine regolarmente in tutte le ore della giornata. E’ consigliato berne circa 8-10 bicchieri al giorno e distribuirli iniziando dal mattino appena svegli, a digiuno, proseguendo nella metà mattinata, un paio prima del pranzo, un altro nello spuntino della merenda, e due prima e durante la cena, ed infine l’ultimo prima di coricarsi.

Meglio non bere acqua troppo frizzante perché potrebbe causare gonfiore addominale. E’ fondamentale bere per mantenere idratato l’organismo durante tutto l’arco della giornata. L’idratazione è il segreto del metabolismo attivo! Il corpo ha bisogno di acqua soprattutto al mattino quando viene ripulito dai liquidi assunti. A fine serata, dopo la cena, si potrebbe consumare una buona tisana.

Altri buoni strumenti di idratazione sono bevande calde a base di ingredienti che stimolano lo smaltimento di calorie e grassi; minestre e brodi che ci fanno anche consumare più verdure, assumere liquidi e fibre. No a succhi di frutta confezionati ricchi di zuccheri e conservanti!

Non cenare troppo tardi

Una delle cause del peso in eccesso è una cena che si consuma troppo tardi. Devi sapere che il metabolismo dopo un certo orario (le 21) rallenta e l’organismo si prepara alla siesta notturna. Se scegliamo di mangiare cibi troppo calorici per cena, non possiamo che accumulare peso. Per evitare tutto ciò è consigliabile mangiare prima delle 21 e portare in tavola piatti di cui è noto il potere saziante (zuppe, brodo, minestrone, passato di verdure…) e il basso apporto calorico. Al posto della pasta si possono scegliere patate, legumi che contengono sia proteine che carboidrati. Un secondo leggero a base di pesce o di ricotta o altro piatto leggero può seguire al primo.

Via gli zuccheri semplici che rallentano il metabolismo

Una dieta troppo ricca di zuccheri raffinati intasa il metabolismo. Infatti le donne in menopausa che mangiano molti dolci soffrono spesso di metabolismo lento. Se si consumano troppi zuccheri e carboidrati (a rapida assimilazione), ci si sottopone a continui picchi glicemici, che causano sprigionamento di dosi elevate di insulina, l’ormone che regola i livelli ematici di zuccheri che, se in eccesso, vengono accumulati nell’organismo nella forma di adipe.

Controlla se hai intolleranze

Le intolleranze di cui spesso non siamo a conoscenza hanno la responsabilità di innescare processi infiammatori e portare ad una condizione di sovrappeso. Bisognerebbe accertarsi di non soffrire di questi disturbi se si notano dei cambiamenti fisici o se compaiono stress, stanchezza, stitichezza, dolori articolari.

Anche per le allergie vale lo stesso discorso, ad esempio la celiachia. In presenza di alimenti cui siamo intolleranti (latte, grano, lieviti etc…) si verifica uno stato infiammatorio cui l’organismo reagisce producendo sostanze (citochine) responsabili di un aumento di insulina, l’ormone che trasforma gli zuccheri in grasso, oltre ad un abbassamento della glicemia, il valore che indica il livello degli zuccheri nel sangue.

La sensazione di fame e di desiderio di carboidrati e dolci viene prodotta proprio dalla carenza di zuccheri in circolo nel sangue. E questo è uno dei primi modi per accumulare peso! Gli organi che vengono interessati dallo stato infiammatorio sono intestino e fegato, il cui malfunzionamento provoca l’aumento di cellule adipose e il rallentamento delle attività metaboliche.

Related Articles

Add Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi